fbpx
I 3 problemi in cui potete incorrere in Germania senza un certificato B2 di tedesco

Ma veramente posso avere dei problemi se vado a lavorare in Germania senza aver conseguito prima un certificato B2 di tedesco?

<<To be or not to be, that is the question…>>. Questo era il famoso dubbio che assaliva l’Amleto di Shakespeare. Oggi, invece, possiamo dire che spesso il dubbio degli infermieri in procinto di partire per la Germania è se conseguire oppure no un certificato B2 di tedesco prima di partire. <<Il corso lo faccio in Italia o in Germania?>>, << Faccio in Italia un corso fino al B1 e poi magari in Germania prendo il B2?>>  Ci sembra di sentirvi mentre vi fate queste domande, che poi è ciò che chiedete anche a noi durante i colloqui.

Da un punto di vista burocratico, la strada migliore da percorrere è sempre quella di conseguire un certificato B2 prima di iniziare il rapporto di lavoro in Germania.

Perchè questo aspetto è fondamentale?

Purtroppo, non tutti sanno che il certificato B2 ha un’importanza tutt’altro che secondaria. In una nota pubblicità George Clooney affermava “No Martini, no party”. Bene, più o meno è così anche nel nostro caso, poichè senza un certificato B2 non si può ottenere l’Anerkennung in Germania e non solo questo.

Infatti c’è di più. Senza Anerkennung non sarete 1)infermieri riconosciuti nello Stato tedesco e, di conseguenza, non potrete 2)percepire lo stipendio previsto dai contratti di categoria TVöD-P per un infermiere. Le conseguenze non si fanno attendere nemmeno sul piano contrattuale: in alcuni casi potreste addirittura essere 3)contrattati come “assistenti di cura”, cioè O.S.S.

Ed infatti, molti ragazzi e ragazze che attualmente sono in Germania ci contattano chiedendoci di aiutarli ad ottenere il certificato B2. Alcuni di loro si sono fermati ad un livello B1, altri, ancora peggio, solo ad un A2. Il più delle volte, tra l’altro, nemmeno erano a conoscenza del fatto che il B2 è fondamentale per tutti i motivi che abbiamo visto sopra.

Molti ragazzi e ragazze prevedono di poter conseguire il B2 in Germania; poi tra lavoro e turni che non lasciano molto tempo per frequentare un corso e studiare la lingua, naturalmente demordono. Perchè, allora, non fare lo sforzo di ottenere il B2 quando ancora si è in Italia? Alla fine vi porta via solo 1 mese e mezzo in più di tempo, ma i benefici che un solo livello in più di lingua vi dà sono indiscutibili.

Detto questo, speriamo di aver fatto un pò chiarezza su un tema che sappiamo essere poco conosciuto. Se in questo momento siete già in Germania e state avendo dei problemi con il riconoscimento della vostra laurea, contattateci e cercheremo di aiutarvi a risolverlo quanto prima. Per tutti gli altri, invece, il nostro consiglio è di valutare quanto possa essere conveniente un percorso che non preveda la partenza con “le carte in regola”. 

Ah, un’ultima cosa!

È condivisibile l’opinione di chi affermi che studiare la lingua direttamente sul posto possa avere i suoi vantaggi, ma questo aspetto alla burocrazia tedesca non importa affatto.

Comparte este artículo:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vuoi lavorare all’estero? Sei alla ricerca di personale?

Manda il tuo CV Cerca candidati